Esperto In



Mobbing

Si può parlare di mobbing quando il lavoratore viene progressivamente emarginato, quando gli vengono affidati compiti ben al di sotto delle sue capacità, quando gli vengono date informazioni insufficienti a svolgere il suo lavoro o palesemente ambivalenti, quando viene insultato: obiettivo è l'umiliazione e il suo conseguente allontanamento da quell'ambiente lavorativo.

La vittima di mobbing può presentare diversi disturbi: perdendo progressivamente fiducia in sé stesso, diventa sempre più ansioso e avverte con maggior frequenza palpitazioni, mal di testa, difficoltà respiratorie, nodi alla gola, senso di pressione sul petto, sudori improvvisi.

Tanto più il mobbing è perpetrato, tanto più la persona si sentirà fragile, isolata: non è raro un viraggio verso un quadro depressivo a volte associato ad abuso di alcol o psicofarmaci. Ulteriore elemento di stress è legato al fatto che la vittima di mobbing non sa bene come comportarsi, a chi rivolgersi e spesso ha il dubbio di poter essere creduta, oltre ad avere il timore di affrontare un iter giudiziario: succede così che la persona mantenga il suo posto di lavoro continuando a subire il mobbing fino a che i sintomi saranno talmente evidenti che sarà impossibilitato ad andarci.

Capire quello che sta succedendo, affrontare superando i sintomi che si sono manifestati, individuare la scelta migliore per superare questa fase di difficoltà, sono gli obiettivi che possiamo raggiungere insieme. In questa situazione all'intervento dello psicologo è auspicabile venga affiancato quello dell'avvocato che da indicazioni chiare su come affrontare la situazione dal punto di vista legale.